Cos’è l’attributo nofollow e come utilizzarlo oggi?

L’attributo nofollow è applicabile al tag a (tag che permette di visualizzare un link ipertestuale) così come segue:

<a href= "https://www.google.it" rel="nofollow" >Google</a>

Questo attributo permette di specificare ai motori di ricerca che non bisogna considerare il link come una raccomandazione. Il suddetto link, dunque, non dovrebbe avere alcuna influenza nella trasmissione di popolarità.

Il sito così linkato non ne trarrà alcun beneficio.

Il trattamento dell’attributo nofollow cambia in funzione ai motori di ricerca e si evolve nel tempo. Fare la distinzione da quanto ufficialmente affermato dai motori di ricerca relativamente a questo attributo e il reale comportamento dei loro algoritmi non è cosa semplice.

Sembrerebbe che attualmente, un motore di ricerca come Google non esiti a visitare una nuova pagina verso la quale punta un link nofollow ma non valorizzerà questa risorsa in termini di link popularity.

Ancora peggio, nel calcolo della potenziale popolarità generata da ciascun link riportato su una pagina (divisione della popolarità globale della pagina per il numero di link in uscita), i link in nofollow rientrerebbero in questo calcolo senza mai poter ridistribuire popolarità.

Se siete convinti di un simile comportamento, l’attitudine da adottare è semplice. Eliminare l’attributo nofollow di tutti i link che siano interni o esterni.

In ogni caso, vi invitiamo a testare personalmente il comportamento di questo attributo.

Oseox Monitoring